domenica 11 settembre 2016

S'AVVICINA LENTAMENTE








S’avvicina lentamente

Con studiati passi

Per non disturbarmi.

O mia dea

Mi hai liberato del fardello

Che mi teneva imprigionato,

l’hai sepolto sotto la neve,

per la purificazione.

Hai attenuato l’angoscia,

alla malinconia del crepuscolo.

Hai tolto il gelo

Dal mio povero cuore.

Invocai il tuo aiuto,

hai asciugato le lacrime

come una mamma affettuosa.

In questo interminabile inverno

Mi hai fatto rivivere.